Comenius

PROGRAMME

Indice
Impronta ecologica
Pagina 2
Pagina 3
Tutte le pagine

Gli altri due gas serra presenti naturalmente sono il vapore acqueo (come indicato sopra) e l'ozono.

Il vapore acqueo è creato dall’evaporazione dai mari e riserve acquatiche della terra, come laghi e fiumi. Il riscaldamento globale accelera la velocità di evaporazione, che avrà un impatto ciclo dell'acqua della Terra e potrebbe aumentare ulteriormente il riscaldamento globale.

L'ozono è una forma instabile (isotopo) dell’ossigeno ed è presente naturalmente negli strati superiori dell'atmosfera. Oltre alla sua abilità come gas a effetto serra di assorbire le radiazioni della terra, ma soprattutto protegge le specie viventi, assorbendo la parte ultravioletta della luce solare che cade sulla superficie terrestre. L'ozono è contenuto nei gas fluorurati. Dei buchi sono apparsi nello strato di ozono, l'intento globale è quello di eliminare gradualmente tutti i gas fluorurati come stabilito dalla convenzione di Montreal (1987) sulla fascia d'ozono. L'ozono può essere creato anche dalla reazione tra il sole e il livello di inquinamento nel terreno, ovvero ci può essere un eccesso di ozono se il livello di inquinamento è alto. Mentre l'ozono è di per sé un gas serra, può reagire con altri gas serra.

La sfida di ridurre la nostra impronta
Uno degli obiettivi principali della rete è quello di avviare azioni a livello locale che consentiranno di ridurre la nostra impronta ecologica individuale e collettiva.

Per raggiungere questo fine ognuno di noi ha bisogno di calcolare la propria impronta di carbonio. Quando la classe (o scuola) si collega alla rete potrà confrontare la vostra impronta con quelle degli altri nel tuo gruppo e confrontarsi sul perché delle differenze.

Grazie al link con un'altra classe di un altro paese, si sarà in grado di confrontare le impronte di ogni gruppo. Ogni classe può quindi sfidare l'altra per discutere e concordare su come poter ridurre del 10% la propria impronta nel corso dei prossimi due anni.

Se pensate che questo possa essere difficile, riicordiamo che probabilmente a ciascuno di noi in Europa sarà richiesto di ridurre la propria impronta fino al 80% nei prossimi 40 anni.

[link to CwC activity #2]

disclaimer



 

Search

Language Selection

Find us on